Momo Challenge, la storia del fenomeno virale


Momo Challenge, la storia del fenomeno virale che spinge al suicidio

Sembra essere tornato l’incubo Momo Challenge. Curiosi di capire di cosa si tratta? Potremmo definirla come una combinazione tra l’episodio di Black Mirror “Shut up and dance” e la Blue Whale. Anche in questo caso, Momo colpisce i più giovani ed in alcuni casi anche i bambini.

Ma come agisce? Momo chiede di inviare dei messaggi ad un numero WhatsApp, numero che risponde con delle istruzioni ben specifiche per completare una serie di compiti abbastanza curiosi ma soprattutto molto pericolosi.

Quali? Le azioni indicate potrebbero essere guardare un film horror, farsi del male fisicamente oppure indurre addirittura al suicidio.

Momo Challenge non è del tutto nuovo, ma è un fenomeno già esistente da parecchio tempo. Tuttavia sembra che soltanto negli ultimi giorni se ne è tornato a parlare quando la polizia dell’Irlanda del Nord ha pubblicato sui social un allarme legato proprio a Challenge.

Poi a seguire, sembra che tanti utenti abbiano segnalato dei video modificati per includere immagini di Momo, apparsi anche su Youtube. Questi video pare contenessero istruzioni anche per il suicidio.

Inoltre, questi video sarebbero venuti a contatto anche con bambini e questo fa si che questo fenomeno sia considerato piuttosto pericoloso.

Momo Challenge, la storia del fenomeno virale che spinge al suicidio

Momo Challeng, cos’è davvero

Momo Challenge si presenta sotto forma di una ragazza dagli occhi sporgenti, capelli neri e unti, vestiti stracciati. Effettivamente Momo è una scultura di Keisuke Aisawa che ha prodotto per Link Factory, ovvero una casa di produzione Giapponese che si occupa di effetti speciali studiati per il cinema.

La scultura sarebbe stata presentata nel 2016 in una galleria nel distretto di Ginza a Tokyo.Le foto di questa statua sarebbero divenute virali su Instagram, ma le origini della Challenge sembrano essere un vero e proprio mistero. Ciò che è certo è che questo Momo Challenge sia pericoloso tanto da aver già indotto al suicidio diversi adolescenti.

Bisogna davvero preoccuparsi?

“Non c’è nessuna prova che i giochi come questo siano una vera minaccia”. E’ questo quanto dichiarato da Benjiamin Radford, un ricercatore per il Committee for skeptic inquiry. Lo stesso ha aggiunto che questi fenomeni sono fenomeni che fanno parte di un panico morale, alimentato dalla paura dei genitori che magari ignorano i propri figli.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
List
The Classic Internet Listicles
Countdown
The Classic Internet Countdowns
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format